attendere prego…

Cerca

News

News / News / 20-10-2021

L’auto elettrica corre più di quanto previsto

Il Technology Watch Webinar di Elettricità Futura e CESI

Il settore dei trasporti dovrà dare una netta sterzata verso l’elettrico. La direzione è segnata, come annunciato dalla Commissione europea in occasione della presentazione del Pacchetto Fit for 55, le nuove auto dovranno essere ad emissioni zero dal 2035.

Alla rivoluzione della mobilità elettrica è stato dedicato il nuovo webinar di Elettricità Futura della serie Technology Watch organizzato il 20 ottobre in collaborazione con CESI. Il webinar è stato seguito da quasi 150 partecipanti, un successo che conferma la rilevanza del tema e l’efficacia della collaborazione di Elettricità Futura e CESI

“Il settore trasporti rappresenta attualmente ben oltre il 20% delle emissioni di CO2 equivalente a livello globale e circa il 25% in Europa” ha sottolineato Agostino Re Rebaudengo, Presidente Elettricità Futura, durante il suo intervento. “Diversamente da quanto sta accadendo per i settori energetico, industriale, agricolo e residenziale-commerciale in Italia e in Europa, dove avviene una riduzione progressiva delle emissioni di CO2, nel settore dei trasporti la decarbonizzazione stenta ad avanzare. È necessario un cambio di rotta, a partire da una decisa accelerazione sull’infrastruttura di ricarica elettrica per supportare la crescita del mercato dei veicoli elettrici, che sta procedendo a ritmi che pochi analisti avevano previsto pochi anni o mesi fa”.

Agostino Re Rebaudengo ha poi ricordato le proposte di Elettricità Futura per accelerare la decarbonizzazione dei trasporti, tra cui: prevedere obiettivi chiari e vincolanti per lo sviluppo dell’infrastruttura di ricarica; semplificare e uniformare a livello nazionale i processi di installazione dell’infrastruttura e rimuovere gli ostacoli burocratici e normativi; favorire la partecipazione al mercato dei servizi dei veicoli elettrici tramite le infrastrutture di ricarica con tecnologia vehicle-to-grid.

Il tema della mobilità elettrica è di grande importanza soprattutto in questo momento di ripartenza del Paese, una ripresa dell’economia che, in coerenza con i fondi e le indicazioni del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, dovrà essere indirizzata verso la sostenibilità. Lo ha sottolineato Matteo Codazzi, CEO CESI, che è intervenuto al webinar ricordando anche che l’elettrificazione dei veicoli contribuirebbe notevolmente alla decarbonizzazione dei trasporti, riducendo la dipendenza dai combustibili fossili e le emissioni di CO2.

Il concretizzarsi di questi benefici è strettamente legato al mix di generazione. In Italia, con l’attuale quota di rinnovabili del 37% nel mix elettrico, le emissioni di un veicolo elettrico risultano – nell’intero ciclo di vita – del 55% inferiori rispetto ai veicoli a carburante fossili. Quindi nel ventaglio di soluzioni per la clean mobility, lo sviluppo dei veicoli elettrici è senza dubbio un fattore chiave per far ripartire un’economia sostenibile, ha aggiunto Matteo Codazzi.

Alessio Cipullo, Responsabile Affari Tecnici Elettricità Futura, ha successivamente condiviso l’agenda dei lavori del webinar e introdotto i fattori abilitanti di una massiva diffusione delle auto elettriche, tra cui la riduzione del costo d’acquisto dell’auto elettrica, l’aumento della rapidità di ricarica delle auto elettriche e della disponibilità dell’infrastruttura di ricarica, questioni oggetto anche di uno dei sondaggi proposti al numeroso pubblico dell’evento.

Lo stato attuale del mercato delle auto elettriche e le future prospettive sono state il focus dell’intervento di Francesco Naso, Segretario Generale, Motus-E, che ha iniziato ricordando i numerosi vantaggi dell’auto elettrica anche in termini di riduzione dell’inquinamento atmosferico e acustico, complementarietà con l’uso delle rinnovabili e ottimizzazione della rete elettrica. La sua presentazione ha offerto un ricco repertorio di dati e informazioni sul parco dei veicoli elettrici, sugli scenari di crescita al 2030, e sulle infrastrutture di ricarica allo stato attuale e con un’ipotesi di ripartizione territoriale al 2030.

Le auto elettriche e le infrastrutture di ricarica, oltre ad essere essenziali per la decarbonizzazione dei trasporti, sono anche elementi chiave per la gestione intelligente e flessibile della domanda elettrica, attraverso le applicazioni della digitalizzazione e del Vehicle-to-Grid (V2G). Il veicolo elettrico ha infatti caratteristiche tecniche ed economiche che si coniugano in maniera ottimale con le esigenze della rete elettrica, anche alla luce della capacità delle batterie di fungere da risorse distribuite che possono essere aggregate per fornire servizi di rete generando valore.? Lo ha spiegato Alessandro Bertani, Services & Smart Technologies Director, CESI, che ha ricordato anche come l’obiettivo fissato dal nostro PNIEC di raggiungere il 22% di rinnovabili nei consumi finali lordi di energia nei trasporti, target destinato a salire per allineare il PNIEC al nuovo target 2030 europeo di -55% di emissioni, ponga l’Italia all’avanguardia in Europa, laddove il corrispettivo target europeo è del 14%?.

Il dibattito è proseguito dando spazio alle opportunità della mobilità sostenibile nel processo di transizione energetica che sono state al centro della tavola rotonda a cui hanno preso parte Riccardo Frigerio, Affari Normativi e Regolatori, Elettricità Futura, Michelangelo Aveta, Advisor - Electromobility & Energy Efficiency - Electrification Lead, Eurelectric, Alessandro Bertani, Federico Caleno, Head of E-Mobility Italy, Enel X, Fabio Pressi, AD e Presidente, A2A E-Mobility e Lorenzo Sessa, Direttore Prodotti Innovativi, Marketing e Comunicazione Commerciale, Iren Mercato.

Tra i numerosi spunti emersi dal confronto tra i relatori, vi è stato anche l’accento sulla mobilità elettrica come pilastro del piano normativo delle Istituzioni europee e sul ruolo cardine del settore trasporti per il successo del target Green Deal, fattori che trovano ampia corrispondenza nelle misure contenute nel Pacchetto Fit for 55. Si è discusso anche di semplificazione del processo autorizzativo dei punti di ricarica come passo necessario per consentire un’installazione agile delle colonnine ed un’effettiva integrazione delle rinnovabili nel settore trasporti.

 

Per approfondire:

La registrazione completa del webinar (iscriviti per accedere al video)

La presentazione di Francesco Naso, Segretario Generale, Motus-E

La presentazione di Alessandro Bertani, Services & Smart Technologies Director, CESI

Leggi la Newsletter Technology Watch

CONDIVIDI

FACEBOOK   /   TWITTER   /   LINKEDIN

Ultime novità da EF

Latest

Iscriviti alle Newsletter Elettricità Futura
iscriviti

Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

Accedi al tuo profilo
Elettricità Futura

Hai dimenticato la password? Clicca qui

Non hai le tue credenziali di accesso? Creale adesso >>>