Comunicato n. 25/2011

COMUNICATO STAMPA N. 25/2011
LE ASTE PER GLI IMPIANTI RINNOVABILI: UNA DOPPIA MINACCIA
L’APER ne ha discusso ieri con i maggiori opinion leader del settore in occasione del primo APERitivo dedicato alla presentazione del working paper
.

Milano, 4 ottobre 2011 – Le conclusioni del working paper “Le aste per l’incentivazione alle rinnovabili - Possibili configurazioni e criticità del caso italiano”, a cura del Centro Studi APER, individuano nel meccanismo delle aste, introdotto dal dlgs 28/2011, una doppia minaccia: da un lato il rallentamento, se non il freno, alle nuove iniziative rinnovabili; dall’altro la concentrazione del settore a causa delle difficoltà di accesso al credito delle iniziative soggette ad asta. La discussione nel corso del primo “APERitivo” ha confermato questi timori.

Si è infatti convenuto sull’esistenza di numerosi profili di rischio, tra i quali l’esistenza di costi di sviluppo non recuperabili, la modifica delle condizioni al contorno e l’applicazione di penali, anche alla luce dei lunghi tempi che intercorrono tra l’autorizzazione alla costruzione dell’impianto, l’acquisizione del diritto all’incentivo e l’effettiva messa in esercizio. Tali rischi, è stato più volte rimarcato dai partecipanti, si rifletterebbero comunque sul livello delle offerte, rischiando di accrescere anziché contenere il costo complessivo del meccanismo.

Nel definire finalmente i meccanismi delle aste, il Governo dovrà tener conto delle basilari necessità del settore, finanziabilità e tutela della libera impresa, piuttosto che subire il fascino di un modello teorico che, all’atto pratico, già in altri Paesi ha dimostrato di non funzionare.

In allegato, vi trasmettiamo il working paper.


Per ulteriori informazioni
Alida Speciale
Ufficio stampa APER
Tel. (+39) 02 / 6692 673 
Fax  (+39) 02 / 6749 0140
e-mail: speciale@aper.it

Scarica il comunicato

Scarica il paper

assoRinnovabili
Via Pergolesi, 27
20124 Milano
Via Ticino, 14
00198 Roma
info@assorinnovabili.it